Spettacolo di narrazione con musica dal vivo ispirato ad una fiaba della tradizione italiana raccolta da Italo Calvino

con Daniele Monterosi
musiche dal vivo Sara Marchesi voce, chitarra e castagnette Enzo Troina organetti e tammorra
scenografia Loredana Spadoni
ideazione e regia Federica Migliotti

Lo spettacolo Il soldato e la figlia del Re nasce dalla collaborazione tra la Discoteca di Stato e la Compagnia TeatroViola al fine di valorizzare e far conoscere alle nuove generazioni la cultura orale popolare italiana. I materiali sonori, musiche, canti e conte, sono stati tratti dall’Archivio etnomusicologico della Discoteca di Stato-MAV. Lo spettacolo ha debuttato nell’ambito della VIII Settimana della Cultura Italiana all’Auditorium della Discoteca stessa, occasione in cui è stato prodotto il Dvd poi distribuito in alcuni reparti ospedalieri pediatrici di Roma.

Le avventure di Ciro, pavido soldato napoletano, che diserta la guerra e riscatta il suo valore incontrando l’amore e la gloria, sono raccontate da un attore che interpreta tutti i personaggi.
La narrazione è integrata dalla musica eseguita dal vivo con strumenti tipici della tradizione laziale e campana: organetti, chitarra, castagnette e tammorra. Le musiche e i canti accompagnano l’azione dei personaggi, sottolineandone la diversa provenienza regionale.
Lo spettacolo si propone di offrire una finestra di conoscenza sulle radici sonore e musicali italiane. Secondo l’usanza quindi i testi delle canzoni sono stati riscritti per servire la narrazione, lasciando invariati i temi musicali, quali lo stornello laziale, la villanella e la tammorriata napoletana.
“Poi ci sono […] compagnie giovani che ottengono buoni risultati. E’ il caso de “Il soldato e la figlia del re” della Compagnia TeatroViola di Roma […] finalmente si avventura in una fiaba poco nota del repertorio raccolto da Calvino e lo fa utilizzando una metodologia inconsueta cioè le canzoni e la musica popolare. La storia del prode soldato, ancorché disertore, Ciro, che, dopo numerose avventure, troverà la gloria e l’amore, è punteggiata infatti dalle musiche suonate e cantate dal vivo da Sara Marchesi e Enzo Troina che intervengono coerentemente negli snodi del racconto ed è narrata con grande dovizia di mezzi espressivi da Roberto Manzi”. Mario Bianchi, Eolo 2009

Nel luglio del 2009 lo spettacolo ha vinto il premio “Otello Sarzi – Nuove figure del teatro 2009” al Festival Internazionale di teatro ragazzi di Porto Sant’Elpidio.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...